Blog

Nov 09

Efebo d’Oro: programma degli eventi 13 novembre

La giornata del 13 novembre inizia con la presentazione, al Cinema De Seta, del progetto di ricerca-azione Giovani-Media-Cittadinanza:  realizzato in collaborazione tra Efebo d’Oro, Università di Palermo, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della città di Palermo, Centro Tau, Istituto Tecnico-Economico Pio la Torre, Istituto Ragusa-Kiyohara-Parlatore, Liceo Vittorio Emanuele II e l’Istituto Magistrale Statale Regina Margherita”. Si tratta di un’iniziativa pilota progettata per un percorso triennale di cui si presenterà la prima fase, partita nel corso della passata edizione dell’Efebo d’Oro e sviluppata nell’anno scolastico 2016-2017. Verranno proiettai i primi 6 video realizzati dagli studenti, al termine di un percorso di formazione che ha visto il coinvolgimento dei partecipanti al progetto.

Il pomeriggio dell’Efebo d’Oro si apre con la proiezione del film di animazione La mia vita da zucchina (Ma Vie de Courgette) di Claude Barras alle ore 16.30 al Cinema De Seta. Tratto da Autobiografia di una Zucchina di Gilles Paris, pubblicato in Italia da Piemme (Mondadori), il film è stato scritto da  Céline Sciamma, regista del pluripremiato Tomboy; narra la storia di un bambino con i capelli blu soprannominato Zucchina che, rimasto solo,  viene accolto in una casa-famiglia popolata da ragazzini abbandonati. Grazie alla loro amicizia apprenderà la capacità di reagire alle avversità. Film d’animazione in stop-motion, La mia vita da zucchina  ci mostra il mondo con gli occhi di un bambino, trattando di dolore con tenerezza, poesia e humour.

Alle ore 18.30 al Cinema De Seta si prosegue con il film Lady Macbeth di William Oldroyd con sceneggiatura di Alice Birch, tratta dal racconto  Lady Macbeth del distretto di Mcensk del russo Nikolaj Leskov.  La giovane Katherine  vive reclusa in un gelido palazzo isolato nella campagna, inchiodata in un matrimonio di convenienza con il marito disinteressato  e tormentata dal suocero che vuole un erede. La noia estrema e la solitudine forzata spingono Katherine, durante una lunga assenza del marito, ad avviare una relazione appassionata con uno stalliere.  Travolta dalla passione Katherine è pronta a liberarsi di chiunque si frapponga tra lei e la sua libertà di amare. Il debutto del drammaturgo William Oldroyd si contraddistingue per il suo forte impatto visivo, per l’intensità del personaggio centrale del film, dark lady ingenua e perversa, e l’interpretazione della giovane interprete Florence Pugh.

Alle ore 20.00 al Cinema De Seta proiezione del cortometraggio Frammenti Elettrici n.1 – Rom Uomini dei videoartisti Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi. Uno dei numerosi lavori basati su materiale d’archivio, in cui  temi centrali  sono le disuguaglianze sociali, il razzismo e le diverse popolazioni. Sono presenti degli estratti di film privati, ricercati tra archivi audiovisivi e provenienti da varie fonti, appartenenti al periodo del secondo dopoguerra, durante la caduta del fascismo. La loro “macchina ermeneutica” (come l’ha definita Marco Bertozzi) ci porta a vedere l’invisibile e ci costringe a riflettere su tematiche che vorremmo rimuovere.

La serata dà inizio alla retrospettiva dedicata a Hanif Kureishi: alle ore  20.30 sempre al Cinema de Seta  verrà proiettato il film in prima visione Venus di Roger Michell (Regno Unito 2006 – 95’), con la sceneggiatura di Hanif Kureishi. È la storia di Maurice, un vecchio attore inglese che insieme all’amico-collega Ian se la spassa ricordando i vecchi tempi finì all’arrivo di Jess, nipote ventenne di Ian, che porta scompiglio nelle abitudini dei due uomini.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *